Disturbi di Personalità

Cosa sono i disturbi di personalità

I Disturbi di Personalità sono espressione di una personalità disequilibrata, nella quale alcuni tratti diventano patologicamente marcati e rigidi, creando sofferenza e gravi problemi nel comportamento, nel rapporto con sé stessi e con gli altri.

Sono state classificate diverse tipologie dei Disturbi di Personalità, ma si possono riscontrare alcune caratteristiche comuni:

  • l’estrema rigidità di alcuni aspetti della personalità,
  • l’incapacità a modulare il proprio comportamento in base alle situazioni e ad adattarsi,
  • le difficoltà relazionali (a volte solo in alcuni ambiti, ad es. nelle relazioni affettive),
  • la compromissione dell’ambito sociale e lavorativo,
  • l’instabilità dell’umore,
  • condotte a rischio (uso di droghe e alcool, promiscuità sessuale, condotte  aggressive o provocatorie).

Disturbi di personalità di alto livello

Si tratta di disturbi lievi della personalità, la cui caratteristica principale è uno “stile” di personalità rigido o inflessibile, che si attiva automaticamente in esperienze diverse.

Questa rigidità, non modificata dall’esperienza, diventa disadattiva per la persona, fonte di disagio per chi ne è affetto e per le persone che stanno accanto e si associa ad una serie di sintomi:

  • fisici: fatica, sintomi di conversione, disfunzioni sessuali
  • emotivi : ansia, depressione
  • cognitivi: paure ipocondriache, sentimenti compulsivi, rimuginio
  • comportamentali: inibizione, evitamento delle situazioni ansiogene

Quali sono questi disturbi di personalità?

  • Evitante
  • Dipendente
  • Depressivo
  • Istrionico
  • Ossessivo – compulsivo

Disturbi di personalità basso livello

Si tratta di forme più marcate, con maggiore disadattamento alla realtà, caratterizzate da:

– un senso di sé e degli altri incoerente: la percezione e descrizione di sé e degli altri cambia è instabile e cambia di frequente, in modo contraddittorio.
– una ridotta capacità nell’interpretare e aderire alle situazioni sociali, con conseguente mancanza di tatto, empatia e capacità riflessiva, soprattutto nelle situazioni di stress
– difficoltà nell’instaurare e mantenere relazioni intime significative, inibizione sessuale o, al contrario, esperienze sessuali caotiche
– aggressività etero o auto-diretta, condotte a rischio (abuso di sostanze, situazioni pericolose)
  • Paranoide
  • Schizoide
  • Schizotipico
  • Borderline
  • Narcisistico
  • Antisociale

Trattamento

Psicoterapia

Chi soffre di un Disturbo di Personalità spesso vive il rapporto con gli altri come estremamente difficoltoso, faticoso o conflittuale.

La psicoterapia può essere uno strumento efficace per individuare, nella relazione con il terapeuta, quegli aspetti del carattere che rendono difficoltoso il rapporto con gli altri e per trovare delle modalità alternative di esprimere i propri bisogni, affetti e sentimenti.

Terapia Farmacologica

Nelle forme cliniche più invalidanti è indicata una cura farmacologica, mirata al contenimento di:

  • disregolazione affettiva
  • discontrollo degli impulsi e del comportamento
  • difficoltà cognitivo-percettive